alimentazione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

alimentazione

Messaggio  novella il Mer Feb 10, 2010 11:32 am

TERAPIA VEGETARIANA
L'alimentazione è già da molti anni considerata molto importante nella cura delle artriti. Si è visto che tali patologie e in particolare l'artrite reumatoide non si riscontrano nelle popolazioni che seguono una dieta naturale, mentre sono frequenti nel mondo occidentale.
Dal punto di vista dietetico è dunque consigliabile seguire un'alimentazione ricca di alimenti integri e biologici, ricca di cereali e verdure (quindi di fibre) e povera di zuccheri, carni, carboidrati raffinati e grassi saturi di derivazione animale, latticini compresi. Tra i vegetali sono da evitare le Solanacee (pomodori, peperoni, melanzane e patate) che tendono ad acidificare.
In ogni caso è sempre utile controllare le intolleranze alimentari per evitare gli alimenti che recano disturbo.
In Norvegia, presso l'Oslo Rheumatism Hospital, è stato eseguito uno studio di 13 mesi su pazienti affetti da artrite reumatoide. Il gruppo in trattamento seguiva una dieta terapeutica, mentre il gruppo di controllo mangiava liberamente. La dieta terapeutica è iniziata con un digiuno di sette-dieci giorni durante i quali erano ammessi solo tisane, brodo vegetale, aglio, decotti di patate e prezzemolo, succhi di carote, barbabietole e sedano; mentre non erano consentiti i succhi di frutta. Dopo il digiuno i pazienti riprendevano un cibo "nuovo" ogni due giorni e se provocava un peggioramento dei dolori articolari con gonfiore e rigidità, quel cibo era tolto dalla dieta per almeno sette giorni; se una volta reintrodotto ricomparivano i sintomi veniva eliminato dalla dieta in modo permanente.
I risultati dello studio hanno indicato che il breve digiuno, seguito da una dieta vegetariana, provocava, in molti pazienti, una sostanziale riduzione della patologia.

fonte: catia trevisani - come curarsi con il cibo, terra nuova edizioni


Ultima modifica di novella il Mer Feb 10, 2010 12:10 pm, modificato 1 volta
avatar
novella
gran-HLAB27+
gran-HLAB27+

Messaggi : 3304
Data d'iscrizione : 04.02.10
Età : 44
Località : trieste

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: alimentazione

Messaggio  novella il Mer Feb 10, 2010 11:45 am

MENO GRASSI, PIù ANTIOSSIDANTI
Nelle patologia infiammatorie è molto importante ridurre i grassi animali, in quanto diminuiscono la quantità di acido arachidonico disponibile per la conversione in leucotrieni e prostaglandine infiammatorie. Invece il consumo di pesce dei mari freddi (sgombri, salmone, sardine, aringhe) è molto utile in quanto fornisce acidi grassi insaturi antinfiammatori. In questi casi si può assumere anche olio di fegato di merluzzo, oppure olio di lino spremuto a freddo.
Inoltre sono significative le sostanze antiossidanti come selenio, vitamina E, vitamina C, manganese, zinco, di cui sono molto ricchi i vegetali freschi, verdure, succhi e alghe marine. Per contrastare le artriti sono molto importanti anche i bioflavonoidi contenuti negli agrumi, nelle ciliegie e nei frutti di bosco. Può essere molto utile anche il succo di ribes spremuto a freddo.
Anche l'ananas, grazie al contenuto di bromelina (enzima antinfiammatorio) e lo zenzero inibiscono la produzione di composti infiammatori. Già 5 g di zenzero fresco al dì o in alternativa 0,1-1 g di zenzero in polvere producono miglioramento dei sintomi con riduzione del dolore, diminuzione del gonfiore e della rigidità mattutina, aumento della mobilità articolare.
Con il succo di zenzero fresco e di ananas fresco si può preparare un'ottima bevanda benefica per tutte le persone che soffrono di artrite.

fonte: catia trevisani - come curarsi con il cibo, terra nuova edizioni


Ultima modifica di novella il Mer Feb 10, 2010 12:09 pm, modificato 1 volta
avatar
novella
gran-HLAB27+
gran-HLAB27+

Messaggi : 3304
Data d'iscrizione : 04.02.10
Età : 44
Località : trieste

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: alimentazione

Messaggio  novella il Mer Feb 10, 2010 12:09 pm

CURCUMA, MISO E VERDURE
Un altro rimedio molto efficace è la curcuma, una spezia indiana di colore giallo e dal sapore delicato, particolarmente ricca di curcumina caratterizzata da un elevato effetto antiossidante e antinfiammatorio.
Tale sostanza stimola infatti il rilascio di corticosteroidi del surrene (cortisone interno), determina l'attivazione dei recettori del cortisone potenziandone l'attività, previene la degradazione del cortisone. La spezia può essere aggiunta al condimento di cereali o verdure. L'effetto è potenziato se si miscela la curcuma all'olio di lino, assunta fino a tre volte al dì lontano dai pasti.
Anche il miso, prodotto fermentato della soia con cui si preparano zuppe vegetali, è un ottimo antiartritico, oltre a svolgere numerose altre funzioni positive come alcalinizzante, regolatore della flora intestinale e depuratore del fegato. Si usa stemperato nel brodo a fine cottura.
Infine tra le verdure si raccomandano: porro, sedano, carote, cipolle, cavolo e barbabietola rossa.
Particolarmente adatta a chi soffre di artrite reumatoide è anche la balneoterapia. Si tratta dell'utilizzo terapeutico di bagni minerali (sulfurei e nelle acque del Mar Morto) e impacchi di fango e zolfo. Una maniera piacevole ed efficace nella cura di questo disturbo così insidioso e diffuso.

fonte: catia trevisani - come curarsi con il cibo, terra nuova edizioni
avatar
novella
gran-HLAB27+
gran-HLAB27+

Messaggi : 3304
Data d'iscrizione : 04.02.10
Età : 44
Località : trieste

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: alimentazione

Messaggio  Elvira il Ven Feb 12, 2010 1:11 pm

[
size=18]Per “ripulire” le articolazioni, ridurre l’infiammazione e sconfiggere artrite e artrosi, di grande aiuto è l’alimentazione.

La digestione delle proteine di origine animale (soprattutto carne rossa e salumi) crea una notevole quantità di acido urico, i cui cristalli possono depositarsi sulle articolazioni e nei muscoli creando dolori articolari. In questi casi, oltre a bere molta acqua, occorre fare la scorta di ortaggi.

Non devono assolutamente mancare il cavolo cappuccio e il sedano: il primo, ricco di vitamina C e di antiossidanti, inoltre, applicato esternamente sulle zone interessate, ha ottimi effetti antidolorifici. Il sedano, invece, ricco di potassio, è diuretico e consumato crudo elimina gli acidi urici.

[/size]
avatar
Elvira
gran-HLAB27+
gran-HLAB27+

Messaggi : 1998
Data d'iscrizione : 04.02.10
Località : il paese delle meraviglie

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: alimentazione

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum