ennesimo caso di omofobia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

ennesimo caso di omofobia

Messaggio  Elvira il Gio Mag 05, 2011 10:32 am

Giorno 12 maggio, presso la Chiesa di Santa Lucia in Palermo, doveva celebrarsi la veglia per le vittime dell’omofobia. Un appuntamento annuale che si svolge in tutta Italia e non solo. Un appuntamento che interessa non solo le persone omoaffettive, ma tutti gli uomini e donne di buona volontà che dicono NO alle violenze fisiche e verbali. Un appuntamento che vuole far riflettere sul dolore di chi subisce in prima persona e chi subisce di riflesso odio e ignoranza.
La veglia del 12 maggio vuole essere un momento, appunto, di preghiera.

Preghiera che sale come incenso a Dio…nulla più. Eppure il Cardinale Romeo, pastore della diocesi di Palermo ha detto no. Un No che fa riferimento ad un farfugliante documento del 1986. E’ sconcertante che un ‘pastore’ vieti di pregare. Si prega per le vittime della mafia, delle guerre, della strada. Le vittime dell’omofobia non sono di certo vittime di seconda categoria. Il dolore di una madre che vede rientrare il figlio pestato a sangue perché gay non è da meno. Il dolore di un giovane che si toglie la vita perché rifiutato dalla società non è da meno. Eppure c’è la pensa così. C’è chi pensa che le vittime dell’omofobia non siano vittime degne di un pensiero e di una preghiera.

Oggi sono triste perché la chiesa cattolica (il minuscolo non è casuale) ha fallito ancora. Sono triste perché si antepone un documento alla Pienezza dell’Amore. Sono triste perché alla Carità si preferisce la prescrizione.
Poiché il cardinale Romeo vieta un luogo, io invito tutti, ma proprio tutti a pregare comunque e con più forza per le vittime e anche e soprattutto per chi non riesce a sganciarsi dagli schemi per vivere la Carità.


avatar
Elvira
gran-HLAB27+
gran-HLAB27+

Messaggi : 1998
Data d'iscrizione : 04.02.10
Località : il paese delle meraviglie

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ennesimo caso di omofobia

Messaggio  enrico il Ven Mag 06, 2011 5:43 pm

cucciola ha scritto:Giorno 12 maggio, presso la Chiesa di Santa Lucia in Palermo, doveva celebrarsi la veglia per le vittime dell’omofobia. Un appuntamento annuale che si svolge in tutta Italia e non solo. Un appuntamento che interessa non solo le persone omoaffettive, ma tutti gli uomini e donne di buona volontà che dicono NO alle violenze fisiche e verbali. Un appuntamento che vuole far riflettere sul dolore di chi subisce in prima persona e chi subisce di riflesso odio e ignoranza.
La veglia del 12 maggio vuole essere un momento, appunto, di preghiera.

Preghiera che sale come incenso a Dio…nulla più. Eppure il Cardinale Romeo, pastore della diocesi di Palermo ha detto no. Un No che fa riferimento ad un farfugliante documento del 1986. E’ sconcertante che un ‘pastore’ vieti di pregare. Si prega per le vittime della mafia, delle guerre, della strada. Le vittime dell’omofobia non sono di certo vittime di seconda categoria. Il dolore di una madre che vede rientrare il figlio pestato a sangue perché gay non è da meno. Il dolore di un giovane che si toglie la vita perché rifiutato dalla società non è da meno. Eppure c’è la pensa così. C’è chi pensa che le vittime dell’omofobia non siano vittime degne di un pensiero e di una preghiera.

Oggi sono triste perché la chiesa cattolica (il minuscolo non è casuale) ha fallito ancora. Sono triste perché si antepone un documento alla Pienezza dell’Amore. Sono triste perché alla Carità si preferisce la prescrizione.
Poiché il cardinale Romeo vieta un luogo, io invito tutti, ma proprio tutti a pregare comunque e con più forza per le vittime e anche e soprattutto per chi non riesce a sganciarsi dagli schemi per vivere la Carità.
cara elvira sono forse inadatto a pontificare sulla chiesa cattolica o su qualsiasi religione in quanto ateo incallito(a detta di mia madre:ateazzu cani) ma ho visto il tuo genuino dolore e stupore nel veder negare il diritto piu' grande e inanielabile,il diritto alla PREGHIERA,aggravata dal fatto che non era preghiera per potenti ma per gli umili per i deboli per gli ULTIMI per i gay,vedi io che sono distante dalla chiesa e da DIO ,sono piu' vicino agli ultimi di quanto lo potranno mai essere tanti papi cardinali vescovi e preti vari,che dell'omofobia hanno fatto un mestiere,ma insomma parlano solo di anticoncezzionali,di gay ,di sesso ,come se fosse la unica cosa importante di questo mondo(forse per loro poverini) DIMENTICANO IN FRETTA però i peccati dei potenti, li giustificano in cambio di qualche miserabile leggina.mi dispiace per te e per i tantissimi credenti che si ritrovano a dover lottare contro una chiesa con molti buracrati che sembra avere smarrito la sua VOCAZIONE e la sua MISSIONE.mi scuso se posso aver offeso la sensibilità di qualcuno .
avatar
enrico
gran-HLAB27+
gran-HLAB27+

Messaggi : 1262
Data d'iscrizione : 07.03.11
Età : 62
Località : santa elisabetta AG

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum